The Division: le nostre prime impressioni

Un titolo che ha superato di gran lunga le nostre aspettative…

the-division-gameplay

In questa edizione del Games Week, non abbiamo di certo solo girato! Come detto nei precedenti articoli, infatti, abbiamo avuto la possibilità di provare alcuni titoli davvero interessanti. Primo tra questi è The Division! Aspettavamo con ansia di giocarlo! Seguiamo il suo sviluppo da quando è stato annunciato all’E3 del 2013 e finalmente, durante il secondo giorno della fiera, abbiamo avuto la nostra occasione . Abbiamo aspettato circa 40 minuti prima di entrare. Attesa ben spesa, perché ciò che abbiamo visto all’interno ci ha soddisfatti appieno.

Entriamo in questa stanza con 18 postazioni. Eravamo divisi in 6 squadre formate da 3 persone. Giocavamo in LAN con un altro team. Per ogni partita, erano presenti due squadre con un solo obiettivo: caricare gli approvvigionamenti sull’elicottero. Per farlo, non dovevamo fare altro che dirigerci al centro della mappa sopra la postazione di atterraggio e sparare con una pistola a razzi per segnalare la posizione all’elicottero. Sembra facile, ma credetemi: è stata una sfida ardua. Di seguito, riporterò alcune delle cose che abbiamo fatto e come si è svolta la partita, con annessi commenti sul gameplay.

Gameplay:

18984700438_f86bba3149_o

All’inizio, il membro dello staff Ubisoft di The Division, ci ha spiegato i controlli (abbiamo giocato su Xbox One). C’erano vari tipi possibili di approccio: da Assalto a Supporto. Ogni personaggio aveva delle abilità speciali: con LB e RB (su Playstation L1 e R1) si potevano selezionare queste abilità per usarle in battaglia o per individuare dei possibili pericoli. La classe Assalto, aveva la capacità di perlustrare, con una specie di radar tascabile, il territorio circostante; la classe Supporto, poteva piazzare torrette e lanciare un rilevatore di movimento. All’inizio, i membri della squadra avversaria sono visibili in grigio, dato che comunque, all’inizio nessuno è ostile. Noi purtroppo, considerato l’obiettivo, abbiamo dovuto cedere e fare piazza pulita. Appena si colpisce un membro della squadra avversaria, questo automaticamente è visibile in rosso, come nemico. Ad ogni colpo inflitto all’avversario, era possibile vedere la percentuale del danno causato, alto in testa, minore nelle parti inferiori del corpo.

Riguardo il comparto grafico, nulla da ridire: non era ai massimi livelli, ma comunque rendeva molto (ricordiamoci anche che era una beta). L’ambientazione era spettacolare: camminare per le strade desolate e piene di insidie di New York, ci ha fatto immergere completamente nella situazione, dandoci la forza di sopravvivere contando l’uno sull’altro! Il livello di cooperazione è altissimo e giocato in co-op con gli amici deve essere uno spettacolo incredibile.

In conclusione, dalla beta che abbiamo potuto provare, questo titolo ha superato molto le nostre aspettative. Entrerà di sicuro all’interno della nostra collezione. Siamo molto positivi e non vediamo l’ora di giocarlo al rilascio! Ricordiamo che The Division uscirà l’08/03/2016 su PC, Playstation 4 e Xbox One. Per il pre order, questo è il sito ufficiale; per visualizzare i videogiochi annunciati a questo E3 2015, cliccare qui.

Al prossimo articolo!

 

Emanuele Mancini

Amante del mondo videoludico, di cinema e Serie TV a 360 gradi. Coltivo queste grandi passioni nel mio tempo libero, sempre in cerca di novità. Videogiochi e film: nuova arte!