Recensione “Quel che voglio da te” di Virginia Henley

Quel che voglio da te

download (1)

 

Titolo originale: Seduced

Autrice: Virginia Henley

Casa Editrice: Mondolibri

Pagine: 428

Prezzo: 14,00 (ma essendo da collezione può variare)

Data di Uscita: 1994

La Trama:

Nessuno, tra i membri della settecentesca società inglese, potrebbe riconoscere nel giovanissimo ed elegante lord Tony l’avvenente lady Antonia. Eppure, sotto le mentite spoglie del facoltoso Anthony Lamb si cela proprio l’intraprendente fanciulla che, sacrificati i lunghi capelli corvini e costrette le fiorenti grazie in attillati abiti maschili si spaccia per il proprio gemello.

La faticosa farsa ha un motivo preciso e grave: se si sapesse che il vero lord Anthony, unico maschio superstite dei Lamb, è disperso in mare, il cospicuo patrimonio di famiglia passerebbe in altre mani.

E, come se la situazione non fosse abbastanza complicata, ecco che nella nuova esistenza “maschile” di Antonia irrompe direttamente da Ceylon uno sconosciuto tutore, Adam Savage. Irresistibile libertino, avventuriero dal volto sfregiato e dagli occhi di ghiaccio, Adam giudica immediatamente troppo effeminato il suo pupullo e si ripromette di farne in breve tempo un “vero uomo“.

Per la povera Antonia ha inizio un vortice di esperienze movimentate, imprevedibili ed a volte persino imbarazzanti, un affastellarsi di situazioni che richiedono l’impiego di tutta la sua abilità. Abilità che si rivela tale che neppure l’esperto Adam riesce ad indovinare quale segreto celi il giovane lord, a scoprire l’accorta finzione che finirà per condurli entrambi ad un’ardente, indimenticabile notte…

Questo in assoluto è il mio libro preferito, forse uno dei primi pubblicati dalla Mondolibri. Mi sono assolutamente innamorata di tutto di questo libro: dall’epoca georgiana in cui è ambientato, la storia mai noiosa e piena di colpi di scena, il mondo in cui l’autrice descrive e dà vita ai personaggi… i personaggi, ma in particolar modo IL PERSONAGGIO, Adam Savage. Tutte e dico tutte le donne dovrebbero incontrare il loro Adam Savage, ma siccome di questi tempi è difficile se non impossibile per il momento ci accontentiamo di sognarlo. Che dire penso che sia stato il mio primo amore, lo so mi prenderete per matta ma provate a leggere le fantastiche gesta di codesto personaggio e mi capirete… ok sto divagando me ne rendo conto meglio iniziare a descrivere tutto e spero di convincervi a leggerlo.

La storia è ambientata nel 1700 durante il regno di re Giorgio, Antonia e Anthony Lamb sono due gemelli che appartengono alla nobile classe inglese. I due vivono nella loro proprietà con la nonna, poichè il padre è morto e la madre è partita per le indie per accaparrarsi un nuovo marito. E indovinate chi è il marito che la cara mamma ha scelto? Si proprio lui l’ex contrabbandiere nonché rinomato libertino Adam Savage che vuole sistemarsi per redimersi e dimenticare il suo turbolento passato. Il fato vorrà che la madre dei gemelli nomini loro tutore il suo futuro sposo, e che prima che Adam ritorni in Inghilterra Antonia e Anthony saranno vittime di un incidente che farà perdere le tracce di quest’ultimo. Per paura di perdere tutto ciò che è suo e del fratello, che Antonia è sicura sia ancora vivo, escogita uno strambo piano (soprattutto per l’epoca in cui si trova): si traveste da suo fratello, vista la forte somiglianza. Ovviamente nessuno si accorge della sostituzione, nemmeno l’espertissimo libertino Adam, che accorso per prendersi cura degli interessi del suo giovane protetto, lo trova anzi troppo effeminato e attraverso una serie di prove e frequentazioni (non vi starò io a dire quali) si da fare per farlo diventare un vero uomo. Antonia all’inizio Antonia odia profondamente Adam ma poi nel suo intimo riconoscerà di essere attratta da lui. Come lui da lei del resto, cosa che farà ammattire non poco il nostro caro Adam perché sebbene non l’abbia riconosciuta sotto le spoglie di Anthony, il suo essere uomo e cacciatore gliel’ha fatta riconoscere sotto altre spoglie…

Non voglio aggiungere altro ragazze spero con tutto il cuore che leggerete questo splendido libro purtroppo una recensione non potrà mai spiegare fino in fondo le particolarità e le emozioni che un libro possa trasmettere. Spero però che molte di voi accetteranno il mio consiglio e che però si mettano in fila nello sbavare dietro a cotanta bellezza e maestosità.

Monica

Ciao a tutti, ok non sono mai stata brava a parlare di me, ma sono molto brava a parlare di libri, infatti la lettura è la mia passione insieme alla scrittura. In poche parole amo, adoro, venero (usate un qualsiasi altro sinonimo se lo avete) i libri.