Kingsglaive: Final Fantasy XV. Recensione del maestoso film Square Enix

Kingsglaive è un magnifico, caotico ed affascinante film targato Square Enix.

Diretto da Takeshi Nozue, Kingsglaive fa parte del progetto Universo di Final Fantasy XV.

In questo universo sono inseriti anche gioco principale, serie anime e giochi secondari per android e Ios.

Dopo il flop per Final Fantasy: the Spirits Within, ed il confusionario Final fantasy VII: Advent Children, la SE prova a confezionare un film più maturo e strutturato.

Uscito il 30 agosto, a 3 mesi di distanza dal gioco principale atteso per il 29 novembre, Kingsglaive ha l’onere di introdurre lo spettatore nel mondo di Eos.

E ci riesce in maniera molto positiva.

img_story_03
Re Regis sul trono. Di spalle la principessa Lunefreya e Nyx

Trama

Il film si apre con la voce narrante della principessa Lunafreya ( doppiata da Lena Headey).

Luna introduce la situazione politica instabile che incorre tra il regno di Lucis, governato da Re Regis ( Sean Bean), e l’impero di Niflheim.

Lo scopo di Niflheim è di distruggere Lucis, conquistandone il Cristallo che protegge la capitale Insomnia.

Durante la visita di re Regis e suo figlio Noctis a Tenebrae, di cui Luna ne è la principessa, Nifhleim attacca la città.

Nello scontro perde la vita la regina di Tenebrae, mentre re Regis scappa mettendo in salvo solo il figlio.

Tenebrae diviene così territorio imperiale.

12 anni dopo, l’ultimo baluardo di salvezza del regno di Regis è la capitale Insomnia.

Protetta da un Muro magico, la città accoglie i rifugiati provenienti dai paesi distrutti dall’impero.

Regis ha inoltre formato il gruppo dei “Kingsglaive“, guerrieri in grado di usare la magia prestata loro dal Re.

final_fantasy_kingsglaive
Slaive

La situazione cambia quando, durante uno scontro, le truppe imperiali si ritirano misteriosamente.

Pochi giorni dopo lo strano evento, il cancelliere imperiale Ardyn si reca da re Regis.

Niflheim propone una trattato di pace a Lucis, ma solo se verranno esaudite due richieste.

Lucis dovrà lasciare tutti i suoi territori a Niflheim, ed il principe Noctis dovrà sposare la principessa Lunafreya.

Nel film seguiremo le vicende di Nyx ( Aaron Paul), membro dei Kingsglaive ed “immigrato” nella città di Insomnia.

Un mondo fantastico

Il punto di forza principale del film è sicuramente la superba CGI utilizzata.

Lo spettatore è trascinato un mondo fantastico e vivo, curato nei più minimi dettagli.

Le scene passano dall’imponente e tranquilla città di Insomnia, a zone di guerra macchiate di sangue e polvere.

Sicuramente si tratta di un’ottima finestra sul mondo di Eos che potremo esplorare nel gioco.

nyx-ulric
Il protagonista, Nyx

I personaggi sembrano reali, e la tecnica del motion capture raggiunge livelli mai visti prima.

Le scene di azione sono spettacolari, anche se a volte troppo caotiche.

Capita che si fatichi a star dietro a quanto stia accadendo nello scontro, data la velocità di combattimento di protagonisti e nemici.

Questo non riesce comunque a scalfire la meraviglia delle tecniche e delle magie utilizzate negli scontri.

Se non avete problemi con gli spoiler, nel video sottostante potete vedere i primi 12 minuti del film, comprensivi del primo spettacolare combattimento.

Personaggi non sempre brillanti

Un punto a sfavore del film è la caratterizzazione di alcuni personaggi.

Sebbene Re Regis sia magnifico nel suo “scontro di ruolo” tra re e padre e straordinario nelle dinamiche -un re che dovrà prendere scelte difficili, ma disposto ad essere odiato per il futuro del suo regno- altri personaggi non brillano.

Lunafreya in primis, personaggio chiave nella storia principale del gioco, è stata descritta da Tabata come una donna forte, saggia e di carattere.
Nel film queste caratteristiche non emergono, anzi Luna a volte appare quasi sciocca ed impulsiva.

Lunafreya
Lunafreya

Anche Nyx, il nostro protagonista, non colpisce particolarmente.

Dopo un terribile passato, viene accolto da Regis e diventa uno Glaive.

Nyx è il classico eroe senza macchia e (quasi) senza paura.

Non ha caratteristiche “umane”,  ed appare troppo distante dallo spettatore.

Altri personaggi sono stati inseriti nel film, quasi senza scopo.

Una perdita di tempo, che poteva essere sfruttato per concentrarsi di più sui protagonisti.

Conclusioni

Un primo chiarimento è d’obbligo: parliamo di un film che deve essere una sorta di grande trailer per il gioco principale.

La trama non risulta chiara in alcuni punti, ma sarà ampliata da Final fantasy XV.

Alcuni personaggi sono superflui, e la caratterizzazione non è perfetta.

Le scene d’azione spettacolari, la magnifica CGI sono i punti di forza del film.

Un’ultima nota di merito per la magnifica colonna sonora: alcuni pezzi sono già stati ascoltati in demo e trailer di gioco, e non mancano componimenti di capitoli di gioco della saga.

Vi salutiamo con il trailer del film, in attesa del gioco in uscita il 29 novembre 2016!

Voto

7/10

Michela Mirra

Laureata in marketing, da sempre appassionata di videogiochi, manga, anime, fumetti e cinema. Ama gli horror e la fantascienza, e quando può si diletta con disegno e lettura."Coloro che sognano ad occhi aperti sanno molte più cose che sfuggono a quelli che sognano solo di notte." Poe