Gotham: recensione episodio pilota

Gotham ha un “pilota” molto bravo

Avevamo già parlato della nuova serie TV Gotham in questo articolo, ma ora lo abbiamo visto e sappiamo dirvi molto di più.

Gotham, dopo un esasperante attesa di svariati mesi finalmente è iniziata. La serie è stata ideata da Bruno Heller, molte persone quando hanno sentito che la serie sarebbe stata ideata da lui hanno storto un po’ il naso avendo paura che potesse rovinare la serie come ha fatto con il finale di Rome e di The Mentalist ma io ho fede in lui, dato che è accompagnato da un ottima troupe di sceneggiatori e scenografi.
Amore a prima vista, ecco cosa mi ha provocato questo primo episodio, una meravigliosa sequenza di scene che vanno in sintonia come una coppia di ballerini in una gara mondiale di salsa e merengue, una fotografia fredda e cupa che trasmette alla perfezione il “mood” di Gotham City ed una scenografia da far invidia al grande schermo, la stazione di polizia è stata interamente costruita in uno studio in modo eccellente e la città di New York (luogo delle riprese) è stata egregiamente fusa con i VFX per dargli quel tono cupo della città fumettistica che rappresenta. In questa serie sceneggiatori e scenografi hanno collaborato in modo da non farci capire il periodo in cui collocare gli eventi di questa serie, che sembra “galleggiare nel tempo”. Tutto ciò che ci basta sapere è che le vicende sono ambientate subito dopo la morte dei genitori di Bruce Wayne.
Tutti i film ,o cartoni, hanno un grande balzo temporale, infatti passano dalla morte dei genitori di un piccolo Bruce ad un Bruce già adulto e pronto ad indossare il costume di Batman, proprio perché ciò che accade nel durante non ha come protagonista il cavaliere oscuro ma bensì Gotham e tutti i suoi abitanti

Gotham Personaggi

ATTORI

Le interpretazioni degli attori sono ottime, come protagonisti abbiamo un giovanissimo James Gordon interpretato da Ben McKenzie famoso per il ruolo di Ryan nella serie tv The O.C. e Harvey Bullock personaggio ancora inedito allo schermo infatti Donal Lougue è il primo attore ad interpretarlo. Entrambi gli attori si sono perfettamente fusi con i personaggi da loro interpretati e non ho avuto nessun problema ad associare le loro faccie alle rispettive controparti dei fumetti. I personaggi secondari sono altrettanto validi: un Oswald Cobblepot agli inizi un po’ diverso dal fumetto ma altrettanto spregevole interpretato da Robin Lord Taylor, il giovanissimo Bruce Wayne interpretto da David Mazouz (che ha fatto qualche comparsa in altri telefilm ma nulla di importante), Fish Mooney personaggio creato esclusivamente per questa serie ed interpretata da una focosa Jada Pinkett Smith e dulcis in fundo l’adolescente Selina Kyle interpretata da una esordiente Camren Bicondova perfetta per tale ruolo. Personaggi introdotti ma non del tutto sviluppati sono: il sempre fedele Alfred Pennyworth, lo schizzato Edward Nygma, una Poison Ivy bambina e il temuto Don Falcone. Spero abbiano una caratterizzazione più dettagliata negli eventi futuri.

gotham-serie-tv-italia gotham-serie-tv-gordon-italia

In conclusione Gotham parte con un ottimo episodio pilota, si merita proprio un bel 10 su 10 spero sia così anche l’intera serie e non facciano l’errore di prolungarla troppo, portando la serie ad un livello molto basso rispetto alla sua potenzialità.