Dorando Pietri [Recensione]

La nostra recensione sul graphic novel “Dorando Pietri” edito dalla casa editrice Tunué.

Dorando Pietri è il primo graphic novel della neonata collana Traguardi della sempre più eclettica e versatile casa editrice Tunué. Scritta da Antonio Recupero e disegnata da Luca Ferrara, ripercorre la vita del corridore emiliano Dorando Pietri che nel 1908 ai giochi olimpici di Londra pur tagliando per primo il traguardo, perse la medaglia d’oro perché aiutato dai giudici dopo essere caduto a terra stremato a pochi metri dall’arrivo.

Un graphic novel significativo

Che dire, la casa editrice Tunué fa un altro centro con un’opera interessante e coinvolgente resa tale da un sapiente uso del flashback e dai magnifici disegni realizzati da Luca Ferrara che in questo nuovo lavoro mostra grande maestria e padronanza nell’uso del colore su tonalità tenue, delicate e significative.

Un fumetto ben strutturato che riesce in poche pagine a raccontare la vita dell’atleta dalla gioventù trascorsa in provincia con il caro fratello, fino alla gloria di una vittoria sudata ma negata ai giochi olimpici del 1908. Tale evento suscitò clamore riecheggiando per anni per poi essere quasi totalmente dimenticato dalle nuove generazioni che ignorano completamente il nome di Dorando Pietri. Un pezzo di storia sportiva importante per il nostro paese che ci ha reso onore e riconoscimenti in tutto il mondo e che ora possiamo rivivere, scavando nell’intimo di questo personaggio e del suo semplice e genuino desiderio di correre.

Oltre il valore storico il graphic novel rientra a mio avviso in quel grande insieme di opere definite “formative”, poiché il messaggio che emerge è sicuramente edificante e positivo. Ci parla del coraggio di superare i propri limiti sconfiggendo il dolore e la paura; della forza di perseverare e di inseguire i propri obiettivi, grandi o piccoli che siano, con determinazione e costanza…perchè non c’è vittoria senza sacrifico..non c’è gioia senza sofferenza.

Il nostro protagonista difatti ha dovuto affrontare diverse difficoltà e prove nel corso della sua vita, prima fra tutte la ritrosia dei genitori di umili origini che non vedevano di buon occhio l’idea che il figlio si guadagnasse da vivere correndo e poi il difficile e stressante processo sportivo che lo ha visto coinvolto a seguito della discussa vittoria ai giochi olimpici di Londra 1908. Una sentenza quella che ha cambiato la sua esistenza e ha segnato per sempre la storia dello sport.

Concludo quindi consigliando la lettura di Dorando Pietri, un’opera bella dal punto di vista estetico e significativa per il suo valore storico ed educativo che non può assolutamente mancare nella vostra personale libreria.

Il graphic novel, già disponibile in preordine sullo store della casa editrice Tunué, arriverà in libreria il 13 ottobre 2016.

 

VOTO: 7,3

 

Giulia Aversente

Appassionata di arte, amante di fumetti, affamata di libri e divoratrice di film...