Dark Souls 3 – Guida alla Catacombe di Carthus

Dopo aver sconfitto i Guardiani degli abissiQUI la guida – avvicinatevi all’altare ed interagite con esso.

DARK SOULS™ III_20160705185502
Altare

Scendete le scale del passaggio per entrare nella nuova area: le catacombe di Carthus.

ATTENZIONE! Durante il vostro peregrinare prestate attenzione agli occhi degli infiniti scheletri che incontrerete.

Se sono bianchi, lo scheletro si rialzerà dopo averlo sconfitto la prima volta, se sono rossi sarà molto più forte.

Pronti, partenza, via!

Avanzate verso la balaustra di fronte a voi e guardatevi intorno: a sinistra scorgerete un ponte, mentre a destra c’è una scorciatoia.

Per prima cosa andate a sinistra, verso il ponte. Prima di esso incontrerete il primo scheletro dagli occhi bianchi. Sapete cosa fare.

Sul ponte vi verrà immediatamente incontro uno scheletro dagli occhi rossi: attenzione alle sue capriole, tende a sparire, ma vi arrecherà ugualmente danno.

DARK SOULS™ III_20160705185554
Primo scheletro dagli occhi rossi

In basso a sinistra scorgerete una piattaforma: utilizzando la colonna scendete ed eliminate lo scheletro.

Proseguite lungo l’unica via possibile e raccogliete il Tomo di Piromanzia di Carthus. Fate attenzione allo scheletro “volante”.

Continuate lungo il corridoio fino al muro, colpitelo per farlo sparire e proseguite verso sinistra.

Arriverete ad una scala sulla parete, salite.

Occhio alla trappola davanti a voi, la scorgerete poiché si tratta di una mattonella sollevata.

DARK SOULS™ III_20160705185907
Trappola

Eliminate l’arciere e gli altri amici scheletri e proseguite lungo il corrodoio per raccogliere delle anime.

Scendete le scale: l’arco che vedete sulla destra vi riporta al ponte.

Continuate a scendere.

Due scheletri vi attendono alla fine della rampa. Due scheletri dagli occhi rossi sono in agguato nella sala.

In questa stanza ci sono tre passaggi: quello a destra vi conduce dove avete trovato il tomo di Carthus, quello che dalle sulle scale vi fa proseguire. Prendete quello che resta, ovvero il passaggio a sinistra.

Dopo gli ennesimi scheletri, incontrate un vecchio amico: Anri D’Astora. Parlateci per continuare la sua QUEST.

Sul balcone dopo Anri potete eliminare una lucertolina di cristallo.

Tornate alla sala con le tre aperture e proseguite lungo la scala in discesa.

ATTENZIONE! Dalle vostre spalle cadrà un enorme ammasso rotolante di scheletri!

DARK SOULS™ III_20160705190419
Palla di scheletri

Evitatelo fermandovi lungo la discesa sulle piattaforme con candele.

Appena superato l’arco, sulla destra c’è uno scheletro con un simpatico cappellino nero. Eliminatelo ( cercherà di scappare) e aspettate per vedere la palla di scheletri schiantarsi e donarvi un osso di non morto. QUI la guida per trovarli tutti.

DARK SOULS™ III_20160705195416
Scheletro con cappello

Ricordate la scorciatoia di cui parlavamo all’inizio? Prendendola vi ritroverete qui!

In questa nuova area gli scheletri vi lanceranno contro anche delle maledizioni. Giusto perché vi vogliono bene.

Proseguite facendovi strada tra gli scheletri, prestate attenzione alle trappole. Nella stanza con le colonne vi aspetta un nemico dagli occhi rossi, quindi attenzione.

Lungo il corridoio in fondo a destra vi sono altri due scheletri dagli occhi rossi. Eliminateli e raccogliete l’anima dal cadavere. Raccogliete la brace avanti a voi, fate attenzione a non cadere di sotto!

Proseguite lungo l’unica via possibile, ma fermatevi prima di entrare nel corridoio perpendicolare al vostro: un’altra palla di scheletri vi aspetta!

Aspettatela e svoltate a sinistra per raccogliere un frammento di titanite, poi andate verso il lato opposto ed accendete il falò.

Dal falò proseguite verso sinistra e scendete le scale.

Eliminate i topi – se non ci ha pensato la palla – e proseguite sulla destra.

Fate attenzione agli oggetti che raccoglierete qui: le melme saranno pronte a colpirvi dall’alto.

Una volta fatti fuori gli scheletri, raccogliete l’Anello Sanguigno di Carthus.

Tornate indietro e proseguite verso sinistra, dove l’ennesimo scheletro dagli occhi rossi vi attaccherà.

Nel corridoio sulla destra c’è una lucertolina di cristallo.

Proseguite lungo questa via per scorgere un ponte sospeso ed un nemico di spalle pronto ad essere eliminato.

Alle spalle del nemico potete raccogliere una pillola gialla.

Proseguite lungo le scale, attenzione sempre agli scheletri, e raccogliete le anime dai cadaveri.

Proseguite verso il ponte, ma prima di oltrepassarlo, seguite la strada in salita per incontrare ancora Anri che vi chiederà di Horace.

DARK SOULS™ III_20160706182931
Ponte

Tornate al ponte, oltrepassatelo ed aprite la porta.

Toccate il calice e preparatevi allo scontro con il Boss dell’area!

Come sconfiggere Wolnir il Signore Supremo

wolnir-1280x720

Non lasciatevi ingannare dalle maestose proporzioni di Wolnir.

In realtà lo scontro sarà uno dei più facili del gioco!

Tutto ciò che dovrete fare sarà attaccare i luminosi e dorati bracciali del boss, evitando i suoi attacchi ad area.

Non pensate ai vari mob che arriveranno a darvi fastidio, per lo più saranno uccisi da Wolnir stesso.

Una volta eliminato il boss, tornerete all’altare con il calice.

Complimenti! Avete superato le Catacombe di Carthus!

Alla prossima guida!

Altre guide per Dark Souls 3

  • Dark Souls 3: Guida a classi e doni sepolcrali – QUI
  • Dark Souls 3: NPC e Quest secondarie – QUI
  • Dark Souls 3: Guida alle schegge Estus – QUI
  • Dark Souls 3: Guida alle Schegge di Osso di Non Morto – QUI
  • Dark Souls 3: Il Cimitero della Cenere – QUI
  • Dark Souls 3: Mura del Castello di Lothric – QUI 
  • Dark Souls 3: Insediamento dei Non Morti – QUI 
  • Dark Souls 3: La Strada dei Sacrifici – QUI
  • Dark Souls 3: La Cattedrale della Profondità – QUI
  • Dark Souls 3: Forte Farron – QUI

Michela Mirra

Laureata in marketing, da sempre appassionata di videogiochi, manga, anime, fumetti e cinema. Ama gli horror e la fantascienza, e quando può si diletta con disegno e lettura."Coloro che sognano ad occhi aperti sanno molte più cose che sfuggono a quelli che sognano solo di notte." Poe