Android 4.4 KitKat – ancora un passo avanti

kitkat_wall_3Tutti aspettavamo a fine Novembre un Android 5, ma con una mossa in stile Apple, Google presenta il 4.4 nome in codice KitKat.
La nuova versione di Android, ora aggiornata addirittura alla 4.4.2 non cambia solo in aspetto il sistema operativo Open Source, ma aggiunge molte chicche che potrebbero far comodo agli utenti.

Innanzitutto partiamo dal nome: c’è stato un accordo tra Google e Nestlè verso Settembre dove quest’ultima deve aver pagato molti milioni di dollari per dar nome alla nuova release di Android. Questa mossa commerciale da parte dell’azienda dal famoso cioccolato è stata veramente azzeccata infatti il video di presentazione che mostra una barretta di cioccolato fa venire veramente l’acquolina in bocca, in più in molti paesi sono state commercializzate delle barrette che all’interno contenevano codici per partecipare a concorsi per vincere dispositivi Google.

Cioccolato a parte, il passaggio da 4.3 JB a 4.4 KK porta un eleganza notevole nella Home del nostro dispositivo con icone nella status bar completamente bianche e quest’ultima trasparente di default. Non manca un Font più leggibile e apprezzabile.

Google Now viene aggiornato e ora permette di effettuare ricerche all’interno della applicazioni stesse, così da evitare la ricerca sfrenata in duemila applicazioni presenti per cercare un piccolo file all’interno del device. I comandi Google vengono ampliati e migliorati. ( purtroppo la ricerca perfetta sarà disponibile solo in inglese )

android-kitkat-4.4-kit-kat-8Un’altra chicca molto importante è la messaggistica integrata dentro Google Hangouts, che personalmente ho installato sui miei dispositivi sostituendo l’applicazione di SMS standard. Questa infatti integra le chat di Google Chat con gli SMS. Sarebbe un sogno ma se venisse integrata anche quella di Facebook e Whatsapp ci troveremmo davanti al client di messaggistica perfetto.

L’elemento più utile all’interno dell’aggiornamento è senz’altro Quickoffice che viene preinstallato assieme al sistema operativo, portando così il nostro ufficio sempre con noi. L’integrazione di Quickoffice con Google Drive viene migliorata e si può lavorare direttamente online.

Superato l’ HDR si arriva all’ HDR+ che viene inserito all’interno della fotocamera stock di Google, in più tanti filtri e modifiche disponibili all’interno del Photo Studio raggiungibile dalla galleria.

La vera bellezza di KitKat in verità è nell’uso della memoria RAM e nella possibilità di installare il S.O. Su tutti i dispositivi abbandonati sin da GingerBread. Infatti KK necessita solamente di 512 MB di RAM e di un processore Single Core da 1 Ghz che giri decentemente.

Per questo motivo la cucina online di Rom personalizzate si è attivata molto e possiamo trovare KitKat per moltissimi dispositivi dal 2010 in poi!
Potrei per esempio prendere il mio vecchio HTC Desire HD annata 2009 e installarci KitKat grazie ad XDA developers.

xl_kitkatandroid

Google quindi con questa nuova versione del suo Android fa un passo decisivo e dice che non si è scordata dei vecchi device, però esegue anche un passo falso non aggiornando il Galaxy Nexus che ha ben esposte le carte in regola per essere aggiornato ( addirittura il Nexus S della Samsung potrebbe essere aggiornato ), ma non si può arrivare a dare il paradiso all’utente sennò non cambierebbe più dispositivo.

Insomma un plauso a Google che nonostante non possa andare contro i principi del consumismo cerca di aiutare gli utenti donando alla community una versione che resuscita i nostri più cari device senza costringerci a spendere altre centinaia di euro per usufruire delle possibilità dei più moderni.

Paolo Ripani

Paolo, un ragazzo che fin da bambino è sempre stato affascinato dalla tecnologia e sopratutto dall'informatica, passa metà della sua giornata a fantasticare su di un futuro ipertecnologico e l'altra metà occupandosi di smartphone. La sua passione principale sono infatti gli smartphone ed è PRO Android oltre che uno smanettatore di prima categoria con Rom Cucinate su tutti i device che tiene in casa.