Recensione sul primo numero del manga “Akame ga Kill!”

La nostra recensione sul tanto atteso manga “Akame ga Kill!”

Akame ga Kill!” E’ un manga shōnen, scritto da Takahiro e disegnato da Tetsuya Tashiro, che ha iniziato la serializzazione sul Gangan Joker della Square Enix il 20 marzo 2010. In Italia i diritti sono stati acquistati dalla Panini Comics, che ha dato inizio alla pubblicazione dei volumi il 22 ottobre 2015.

La storia

Il protagonista della storia è Tatsumi un giovane paesano che dalla provincia decide di partire alla volta della capitale con l’intento di guadagnare i soldi necessari a salvare il suo villaggio dalla fame.

akame-ga-kill-manga
Apri questa immagine per vederla ingrandita

Giunto nella ricca città però comprende ben presto che dietro alla sfarzo si nasconde una società malsana dove la corruzione dilaga e i deboli soccombono.

Così travolto dagli eventi si ritrova ad unirsi ad un gruppo rivoluzionario che usando l’assassinio in funzione catartica vuole dare un nuovo volto  alla capitale liberandola dal giogo e dal clima di terrore messo in atto dal primo ministro e dal suo seguito. Questi giustizieri si fanno chiamare “Night Raid” e dal loro covo ricavato nella roccia dirigono ogni missione, per lo più incarichi svolti come mercenari a soldo di privati.

Il lato oscuro del potere

Premetto che il manga è riservato ad un pubblico di ragazzi ma per quanto io sia uscita ormai da qualche anno dalla turbolenta e transitoria fase adolescenziale, cercherò comunque di fare delle valutazioni oggettive avendo ben chiaro in mente il pubblico al quale il manga è destinato.

Nel complesso comunque devo dire che ho apprezzato la storia dalle tematiche forti che fanno riflettere sulla situazione attuale, dove il potere è appannaggio di pochi che egoisticamente lo esercitano a beneficio proprio disinteressandosi delle difficoltà e degli affanni della massa. In un mondo ingiusto l’unica via è la più cruenta e, come ogni rivoluzione che ha solcato la storia, anche qui i giusti si armano ripagando il male con la stessa moneta.

akame-ga-kill-recensione
Apri questa immagine di Akame ga Kill! per vederla ingrandita

 I personaggi

Per quanto concerne i personaggi sono piuttosto stereotipati e banali ma riescono comunque a coinvolgere il lettore nelle loro vicende.

Il protagonista è Tastumi che caricandosi sulle spalle le problematiche del suo villaggio natio cerca fortuna nella ricca capitale. Inesperto e ingenuo viene subito raggirato da una ragazza che lo deruba di tutti i soldi lasciandolo all’agghiaccio. Viene salvato da una giovane nobile che mostrandosi gentile e cordiale gli offre ospitalità nella sua ricca dimora. Ignaro il giovane si lascia persuadere senza sapere l’orrenda verità che si cela dietro quel sorriso accogliente e quei modi gentili.

Gli eventi alla fine lo porteranno a conoscere i “Night Raid” un gruppo di assassini ricercati dall’esercito imperiale. Ogni membro mostra una personalità diversa e nasconde un passato doloroso, soprattutto Akame coprotagonista della storia, una ragazza dai lunghi capelli corvini e dal carattere taciturno. La sua abilità con la katana la rende un avversario temibile e un’assassina perfetta.

I disegni

Per quanto concerne la parte grafica, devo dire che ho apprezzato i disegni del mangaka Tetsuya Tashiro che riesce con uno stile lineare, un’inchiostrazione pulita e un abile uso dei retini a rendere la dinamicità e il pathos delle scene narrate.

akame-ga-kill-recensione-manga
Apri questa immagine di Akame ga Kill! per vederla ingrandita

Conclusioni

Concludo quindi valutando il manga nel complesso e ricordando che per chi fosse interessato è disponibile in tutte le fumetterie e librerie specializzate, al prezzo di € 4,50.

Alla prossima recensione ragazzi!

VOTO: 6,5

Giulia Aversente

Appassionata di arte, amante di fumetti, affamata di libri e divoratrice di film...