Aiuto! [Recensione]

La nostra recensione sul graphic novel “Aiuto!” edito dalla casa editrice BAO Publishing.

“Aiuto!” è un’opera scritta e disegnata da Isaak Friedl, vincitore del premio Boscarato 2014 come “Autore Rivelazione” per Sottobosco (Tunué, 2013), e colorata da Yi Yang, classe ’94, selezionata nel 2016 per l’illustrators Exibition del Bologna Children’s Book.

Il fumetto edito dalla casa editrice BAO Publishing è una finestra schietta e brutale sull’uomo e sulla sua indole violenta e distruttrice. Il protagonista infatti è un piccolo scoiattolo coraggioso che cercherà in tutti i modi di salvare la vita di un piccolo orsetto orfano, strappandolo alla furia omicida dei cacciatori.

La crudeltà umana

Una storia inaspettata che ci illude conducendoci prima dolcemente per mano in un mondo fiabesco dalla grafica dolce e luminosa, per poi improvvisamente colpirci con un destro ben assestato. Così tramortiti e confusi proseguiamo nella lettura entrando, pagina dopo pagina, in una realtà completamente diversa dominata da immagini macabre e cruenti che si susseguono ininterrottamente lasciandoci alla fine con un grande e opprimente peso sul cuore.

Come nelle migliori “provocazioni” dell’arte contemporanea, anche in questo caso l’intento dell’autore è quello di creare sdegno e repulsione mostrando in tutta la sua drammaticità l’efferatezza umana e il suo disprezzo per la natura e per gli esseri che la abitano. I cacciatori infatti alla ricerca del piccolo orso, lasciano dietro di sé una scia di morte e sangue che ci invade gli occhi con un feroce rosso pastello.

Si viene risucchiati inevitabilmente in un vortice di emozioni e sensazioni contrastanti e rapiti da immagini tanto semplici e lineari quanto espressive e vivide, accompagnate di tanto in tanto da pochi ed essenziali dialoghi. Un graphic novel eloquente nel suo silenzio che urla tutta l’amarezza e il disappunto mostrando l’essere umano nella sua natura più perversa e spietata.

In questo suo ultimo lavoro il giovane autore ha voluto quindi trasmettere un messaggio forte avvalendosi di un deciso e tagliente contrasto tra: i disegni dal tratto essenziale e sporco che richiamano ad una sfera più puerile e le scene crude e sanguinose che rimandano invece ad un mondo adulto e spregiudicato.

Un’opera davvero peculiare che conferma in qualche modo l’impronta unica e direi “sui generis” della casa editrice BAO Publishing la quale sembra voler fare della “diversità” un suo marchio distintivo, un grande punto di forza, pubblicando senza riserve opere disinibite, provocatorie e scomode.

Concludo quindi consigliando la lettura di “Aiuto!”, un fumetto difficile da digerire che ci scuote internamente obbligandoci alla riflessione.

aiuto

 

Giulia Aversente

Appassionata di arte, amante di fumetti, affamata di libri e divoratrice di film...